I video di Tifos8

Loading...

giovedì 4 ottobre 2007

Ncrucianno 'a morte

Mmiezz'a via cammenanno
quanta vote, senza vulerlo,
l'uocchie ncopp'a nu manifesto
burdate 'a lutto sò cadute!
Do' dèceduto, sbiadito
nun nomme scunusciuto
appena se leggeva.
Cu 'o core,
senza dicere niente a nusciuno,
spisso po' aggio pensato:
Comm 'a n'amico fedele,
d ' 'a matina a' sera,
aspettanno d'int'a l'ombra,
pronta pe' ce abbraccià,
senza parlà, da che munno
è munno, 'a morte ce accunpagna!
Sempe a l'erta, maje stanca,
comm'a na sentinella essa ce spia
e vede chello ca facimmo!
Na distrazione, na malatia
so tutto occasione bone
pe' ce correre ncuntro
e ce carrià…. all'atu munno!
Quanno all'appuntamento
puntuale s'appresenta
avvellutata comm'a na sposa
e ce piglia sott 'o vraccio,
vestute 'e niro, festa le facimmo :
sciure, musica, cerròggene,
corteo, marmo e lacreme d'alta qualità
per essa sò sempe pronte.
Nu juorno addò uno
nu juorno addò nato
sempe trova che ffà
e maje, 'a spasso stà!
Àneme, senza sciato,
trasporta in quantità!
A' mità autunno,
quann'a malincunia,
piglia pure a ' lu tiempo,
pe' st'impegno custanto
ca essa teno pe' tutto l'anno,
ggente 'e tutto specie,
buone e malamente,
addulurata ma devota
â casa soje và a visità!
'A casa soje?
E chi nun 'a cunosce!
'A casa soje
è addò stanno chillo
ca cchiù nun ce stanno,
là, addò 'a poco,
mpruvvisamento
nu juorno scarugnato
pure papà mio se ne juto!
Parlà d 'a morte pe' chi è vivo,
arricurdarse 'e tutto chello
c'avimmo perduto,
na bella cosa nun è,
e, si a Essa ce penzammo buono
'a pella s'arriccia
e dint'a nu mumento
tutta 'a vita se fa scura!
Siente all'ora,
ch'hai abbisogno 'e luce
e accussì a lu surriso
e 'a carezza d' 'a speranza
'o core corre e se cunsegna
pe' putè cu ànemo e curaggio
affruntà chello ca primmo
o doppo puro l'aspetta!
Ah 'a ggente, 'a ggente
ca smania e se ammuïna,
ca fa finta e nun sapè
ca nterra o d'int'a na cappella,
cunsignato a nu scunusciuto,
comme si non fossemo maje stato
abbandunato d' 'a vita
lasciate po' venimmo!
Doppe tantu tiempo
chi maje cercarrà nutizie 'e nuje,
che rumarrà maje
d' 'a superbia e d' 'a mmiria nosta
quanno passata 'a chianozza
d 'ô tiempo, metuto d' 'a fauce
d' a morte, polvere tutt'aguale
l'Eterno nce arriduce!


Angelo Michele Cozza

Fonte: http://www.pensieriparole.it/poesie

Nessun commento: