I video di Tifos8

Loading...

giovedì 27 settembre 2007

Poesia a Lavezzi

Caro Ezequiel, lassace sta’.

Non trattarci così, noi sognatori azzurri. Nun nce fregà cu 'e finte; nun nce fa’ fessi cu 'nu scatto veloce, 'na palla fatta passà mmiezze e cosce 'e n'avversario. Nun 'nce fa’ rimanè accussì, in bambola, annanze a 'nu colpo 'e tacco smarcante, a 'nu tiro teso dint’ ‘o sette. Nun 'o ffa’. Simme gente ca sònna, s'esalta pe’ niente. Pe' nuje 'o pallone nun è sulo 'nu juoco; 'o pallone è vita. Nce fà scurdà 'a munnezza, 'o sistema, che ci hanno scassàt’'a machina; ca s'hann’arrubbato 'o portafoglio d'int’ 'o pullman. Caro Ezequiel, se proprio però non ce la fai, che t'aggia dì, continua. Ce ne faremo una ragione. Sogneremo con te, ti accosteremo all’altro scugnizzo argentino; faremo di te il nostro idolo. Perché in te vediamo le stimmate di quel campione che ci manca, da tanto tempo. Cùrre, Ezequiel, va’. Piglia chillu pallone e ghièttelo dint’ ‘a chella porta avversaria. E sì po', invece, nce staje sfuttenne, e vabbuò t' ‘o perdunammo. Sì già uno comme 'a nnuje.

Mascalzone78

Fonte: http://www.ultrazzurri.it/forum/viewtopic.php?t=7151

Nessun commento: